Interrogazione Parlamentare On.MOTTI e ROITHOVA’ del 3/11/2010


Interrogazione con richiesta di risposta scritta alla Commissione
(Articolo 117 del regolamento)
Tiziano Motti (PPE) e Zuzana Roithová (PPE)

Oggetto: Pratiche commerciali del sito Easy-download.info

 

Risulta da numerose segnalazioni di cittadini che si sono rivolti alle Associazioni di tutela dei consumatori che una società tedesca, la Euro Content Ltd, stia praticando offerte commerciali ritenute poco trasparenti. Nei fatti, il sito web Easy-download.info, di proprietà di Eurocontent LTD, e classificato da Google al primo posto nei risultati di siti «freeware», propone applicazioni e programmi da scaricare gratuitamente. La procedura, necessaria per rendere possibile l’accesso dell’utente ai programmi scaricabili, prevede la registrazione al sito con l’inserimento dei propri dati anagrafici. Dopo alcuni giorni, però, la sorpresa: una e-mail invita l’utente registrato a versare la somma di euro 96,00 annui, per due anni, a titolo di corrispettivo previsto dal contratto di abbonamento al sito Easy-download.info. La mail si ripete a breve distanza nel tempo, con toni sempre più incalzanti e vessatori, fino alla minaccia di adire le vie legali. Negli utenti in buona fede, questa situazione causa un particolare stato d’ansia e di impotenza davanti all’eventualità di una causa legale transfrontaliera per un illecito che ritengono di non aver commesso. Le loro doglianze riguardano l’ignoranza di aver sottoscritto un contratto, dal momento che il sito induce alla convinzione di poter scaricare gratuitamente del materiale informatico, previa registrazione e senza alcun obbligo contrattuale. Il sito inoltre si presenta completamente in lingua italiana e dissipando il dubbio su eventuali incomprensioni linguistiche. «La geografia dei reclami» tuttavia non si limita all’Italia. Anche in Slovacchia e nella stessa Germania sono state avviate procedure per pratiche commerciali scorrette contro il sito. In Italia l’Autorità per la concorrenza ha deciso, lo scorso aprile, di aprire un’istruttoria alla luce delle centinaia di segnalazioni di singoli cittadini e delle maggiori associazioni dei consumatori, tra le quali Altroconsumo, Adiconsum, Aduc, Codacons, Unione Nazionale Consumatori e Federconsumatori. Solo tra il 2009 e il 2010 l’Autorità ha irrogato 4 milioni e 450mila euro di multe per comportamenti scorretti che, attraverso il meccanismo della registrazione sui siti, inducevano i consumatori, ma anche piccole e medie imprese a sottoscrivere, in modo inconsapevole, contratti di fornitura di servizi vari.

Può la Commissione far sapere se questa pratica commerciale risponde alle norme comunitarie e sia piuttosto auspicabile l’obbligatorietà di un’informazione più chiara da parte di società che offrono questo tipo di servizi?

Ecco il link al documento originale:

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2010-9052+0+DOC+XML+V0//IT&language=IT

, ,

  1. #1 di great Forex Trading For Beginners il 10 dicembre 2010 - 09:57

    Molto buone cose.

  2. #2 di bet365 il 23 novembre 2010 - 09:38

    Good day I was fortunate to find your Topics in digg
    your Topics is superb
    I obtain a lot in your Topics really thank your very much
    btw the theme of you website is really fine
    where can find it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: