Un’analisi dei dati di sintesi sui contatti telefonici Antitrust: impatti dei casi “Easy Download” e “Italia-Programmi”


Storico DatiContatti Antitrust

Storico Dati Contatti Antitrust

La statistica dei contatti ricevuti da Antitrust evidenzia bene e colloca nel tempo l’andamento di ENTITA’ – CONCENTRAZIONE ed EVOLUZIONE dei due fenomeni Easy Download e Italia pgm.
Si tenga presente che entrambi sono partiti piu’ o meno nello stesso periodo di calendario di due anni differenti (Aprile/Maggio) del 2010 e 2011.

1^ osservazione ENTITA’
Nella lettura dei dati si tenga presente che  i numeri indicano TUTTE le tipologie di contatto ricevute da Antitrust, non soltanto, quindi, quelle di attinenza a E.D. o ItaliaPgm.

Ciò premesso, confrontando i dati con l’anno 2009, si nota che il fenomeno Easy Download nei mesi da aprile a settembre ha fatto registrare un’impennata, in termini di entità, nettamente superiore alle chiamate ordinarie ricevute l’anno precedente(2009) e anche superiori a questa nuova edizione della truffa nelle vesti di Italiapgm (2010).
2^ osservazione EVOLUZIONE
Anche qui il fenomenoEasy Download nei mesi da aprile a settembre ha fatto registrare una costante EVOLUZIONE, mentre il suo nuovo clone ItaliaPgm, dopo un lieve incremento di circa 200 unità da aprile a maggio, è rimasta abbastanza costante fino ad agosto, per poi impennarsi bruscamente in settembre e ancora in ottobre (non sono stati ancora resi noti i dati di novembre).

3^ osservazione CONCENTRAZIONE
Anche qui il fenomenoEasy Download e Italiapgm si mostrano dissimili. La concentrazione massima del primo la si è avuta nel settembre, mentre per il secondo in maniera esplosiva e macroscopica, in settembre e confermatasi in ottobre.

Nel periodo iniziale da maggio ad agosto, come si è già visto, la concentrazione per Easy Download è stata in costante crescita, mentre per Italiapgm  è rimasta su una media costante di circa 900 chiamate giornaliere.
I provvedimenti Antitrust, posti in essere nelle due occasioni, possono averne influenzato la concentrazione, evoluzione ed entità, in termini numerici, dei due fenomeni?
 Non sembrano aver avuto alcuna influenza calmierante i provvedimenti intermedi di sospensione. Men che meno per l’attuale truffa in corso Italia programmi. Piu’ impatto sembra aver avuto il provvedimento sanzionatorio finale nel caso Easy Download. Impossibile esprimersi per l’attuale caso in quanto il processo decisionale dell’Autorità trovasi tuttora in itinere.

Ecco le date in cui i provvedimenti dell’Autorità si sono susseguiti per entrambe:

EASY DOWNLOAD
 –12 LUGLIO 2010        COMUNICAZIONE AVVIO ISTRUTTORIA (comunicato.nr.32)

9 SETTEMBRE 2010 COMUNICAZIONE SOSPENSIONE PROVVISORIA PRATICA COMMERCIALE

                                                   CONTESTATA

-3 NOVEMBRE 2010  PROVVEDIMENTO SANZIONATORIO 960.000 euro (bollettino 43/2010)
ITALIA PROGRAMMI
 –15 LUGLIO 2011        COMUNICAZIONE AVVIO ISTRUTTORIA

25 AGOSTO 2011       COMUNICAZIONE SOSPENSIONE INVIO SOLLECITI ecc.(Bollettino 32 -2011)

…………………………        IN ATTESA PROVVEDIMENTO FINALE ANTITRUST

Conclusioni:

I diversi trend nelle varie dimensioni di analisi appena viste lasciano spazio alle seguenti deduzioni:

  1. La lezione ricevuta dalla passata edizione di Easy Download ha – forse (e lo si spera) – lasciato qualche internauta piu’ diffidente e piu’ guardingo nell’approcciarsi a siti simili in rete. 
  2. L’iper concentrazione in settembre e ottobre di segnalazioni per il caso attuale, Italia programmi, potrebbe avere più spiegazioni:
    Intanto è utile chiedersi: è possibile che le vittime di Italiaprogrammi siano esplose solo in settembre, e ancor di piu’ in ottobre, nonostante i provvedimenti intermedi di blocco già emanati (25 agosto 2011)?
    Sicuramente nella prima edizione “Easy Download” vi è stata maggior veicolazione delle vittime, sin da subito, verso Antitrust.
    Ad osservare i flussi numerici sembra quasi che nella seconda edizione l’informazione sia giunta piu’ in là, più tardiva.
    Apriamo una parentesi: Facebook ha un notevole potere concentrativo e attrattivo. Con il nostro gruppo “NON PAGATE EASY DOWNLOAD”, correttamente intitolato, nel 2010 siamo stati in grado di intercettare un notevole numero di vittime in cerca di risposte, in grado di far incrementare costantemente il contatore degli iscritti al gruppo e veicolarle all’Antitrust.
    Siamo stati presenti sin dall’aprile 2010  e in costante attività, praticamente ininterrotta. Google, infatti,  lo riportava fra i primi risultati se qualcuno avesse cercato Easy Download.  Il nostro lavoro era anche stato riconosciuto da varie personalità del mondo dell’Associazionismo e anche da varie autorità  (EASA).
    Con Italia Programmi non è andata così. Non siamo riusciti ad arrivare a raggiungere analogo numero di vittime a causa dell’impossibilità di adeguare il nome del nostro gruppo FB. Anche se sono nati altri gruppi, menomale, che si sono dati da fare. Ma, sebbene con nomi piu’ attuali, non sono riusciti ad intercettare che tardivamente, insieme a noi e i siti delle Associazioni, quei grandi numeri .
     
  3. Il numero degli utenti internet attivi, in Italia, è stimato in circa 10/12 milioni di utenti. Il raffronto fra quest’ultimo e i numeri dei coinvolti in tali truffe (mediamente 10.000 a ciclo) fa apparire il primo come un vero oceano in cui si potranno pescare vittime ancora a lungo, prima di arrivare saturarne il numero.  Lo sanno in primis  le organizzazioni truffaldine che stanno dietro a tale facile business.  Perchè i loro conti  hanno dimostrato di saperli fare.. e anche molto bene.

, , , , , ,

  1. #1 di Valentina il 30 dicembre 2011 - 10:24

    Mio caso è uguale a questo signore, mi hanno rovinato la vita con questi sollieciti per pagare una cosa che non so cosa è..sono dei criminali veri…non pagerò niente perché non ho preso né comprato, né scaricato niente…Siamo tutti incastrati e intrappolati da questi maniaci, ma si sistemerà tutto, non è possibile che dobbiamo essere vittime di persone brutte e cattive come queste…Buona giornata.

  2. #2 di andreis il 27 novembre 2011 - 20:53

    Buonasera volevo farvi presente che l’ignari Signori dell’ital-programmi .net continuano a mandarmi email e l’ultima ricevuta è stata il 18 novembre 2011 facendomi spere che se non pago mi portano in tribunale per un processo penale hanno nelle loro mani l’indirizzo IP e numero così potranno risalire a loro volta di chi è il computer, io ho inoltrato l’email alla polizia postale ma a quanto pare loro me l’hanno girata all’antitruist e mi hanno consigliato di seguire l’associazione Consumatori, ma per quanto mi riguarda e per quello che leggo sui commenti vedo che non sono il solo ad essere stato truffato da questi ignari Signori che alternativa mi date voi?Io fin’ora non ho pagato.vI SALUTO ANDREIS

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: